affari

giugno 03, 2021

5 min per la lettura

Il futuro delle risorse umane (HR) nel settore manifatturiero
Il futuro delle risorse umane (HR) nel settore manifatturiero

Risolvere il divario di competenze nel settore manifatturiero

Il settore manifatturiero riveste un ruolo significativo nell'economia globale. Per oltre due secoli il settore si è sviluppato rapidamente, adottando tecnologie sempre più all'avanguardia. Questa accelerazione comporta conseguenze significative per i lavoratori, creando un divario tra le competenze già possedute e quelle necessarie per tenere il passo con la domanda tecnologica.

Automazione, IoT, intelligenza artificiale e robotica avanzata stanno cambiando il volto del settore manifatturiero e ristrutturando il luogo di lavoro. Anche se qualcuno ha previsto che queste tecnologie potrebbero eliminare dei lavori, la realtà dimostra che se ne stanno creando di nuovi. Secondo uno studio del Boston Consulting Group del 2019 gli annunci di lavoro contenenti i termini “IoT”, “cloud” e “apprendimento automatico” aumentano del 20% di anno in anno.

Un altro studio di Deloitte e del Manufacturing Institute afferma che lo sviluppo tecnologico aumenta il divario tra le posizioni professionali da coprire e le competenze di cui le persone hanno bisogno per farlo. È stato rilevato che tra il 2018 e il 2029 ci saranno circa 2,4 milioni di posizioni aperte, con un potenziale impatto economico di 2,5 miliardi di dollari. In queste condizioni, quali sono le competenze imprescindibili per i produttori del futuro e quale aspetto assumerà il luogo di lavoro? Ecco tre esempi di possibili ruoli professionali nel settore.

Digital twin engineer

I gemelli digitali offrono numerosi vantaggi, tra cui l'estensione delle capacità delle apparecchiature esistenti e l'attenuazione dei rischi di obsolescenza. Si tratta di potenti ombre digitali di tutte le risorse fisiche attraverso la loro intera vita utile, compresi i dati e i controlli di tali risorse. Da aziende come Amazon e Rolls Royce, l'uso delle tecnologie dei gemelli digitali sta crescendo in modo esponenziale, creando la necessità di un ruolo professionale in grado di gestirle.

I digital twin engineer fungono da collegamento tra il gemello del prodotto e il gemello della prestazione, consentendo la loro collaborazione e monitorandone le performance. Sfruttano strumenti ingegneristici e strutture del prodotto, come parti e sub-componenti, integrandoli con gli elementi digitali necessari tra cui software, dati e chip. Inoltre aiutano i produttori ad acquisire la conoscenza dei loro prodotti creando modelli virtuali da testare in ambienti operativi reali.

Le competenze necessarie per svolgere tali lavori sono comprensione approfondita di strumenti analitici, sviluppo software, leadership del team interfunzionale ma anche conoscenza di sensori, elaborazione delle immagini, simulazioni e algoritmi. I digital twin engineer devono essere competenti nella creazione di repliche virtuali dei principali prodotti industriali per aiutare le aziende a prevedere e soddisfare le esigenze dei propri clienti.

Robot team coordinator

Non è difficile immaginare robot e umani che lavorano insieme: i cobot stanno già rivoluzionando l'officina di produzione. La popolarità di questa collaborazione tra macchine e umani sta aumentando, portando alla creazione di team di interazioni miste.

Esattamente come un normale team leader, il robot team coordinator dovrebbe supervisionare le prestazioni del robot e fornire ai programmatori il feedback per ottimizzarne il valore, consentendo al contempo un ambiente di lavoro collaborativo tra umani e robot.  Giocano un ruolo fondamentale nella scoperta e nella gestione dei punti di forza di umani e robot al fine di incrementare la produttività e la crescita.

Tra le competenze necessarie per questa posizione troviamo l'analisi del comportamento, la gestione dei robot, l'assistenza ai clienti e il know-how tecnico. Sarebbero inoltre necessarie alcune delle competenze degli ingegneri di processo e degli esperti di gestione del cambiamento per integrare la robotica sulla linea di produzione, considerando al contempo le abilità umane che aggiungono valore ai processi.

Smart factory manager

Nella fabbrica intelligente del futuro, i manager avranno ancora più responsabilità che in un contesto tradizionale. Questo perché avranno bisogno di produzione avanzata integrata, connettività sicura e analisi dei dati utilizzabili oltre che di guidare la crescita delle apparecchiature. Usano l'AI e gli algoritmi automatici per gestire le scorte e le strategie di gestione del prodotto.

Le maggiori responsabilità richiedono un set di competenze più ampio. Gli smart factory manager dovranno essere esperti in tecnologia applicata, automazione e connessioni, oltre che di apprendimento approfondito e nuove tecnologie industriali. Altre competenze includono eccellenza operativa, la gestione di progetti, clienti e cambiamento.

La profonda comprensione delle necessità del luogo di lavoro del futuro consente ai produttori di risolvere in modo efficiente il divario di competenze che affligge il settore e di rispondervi investendo nei propri lavoratori. Soprattutto, dovranno creare le condizioni per lo sviluppo di questi nuovi ruoli professionali attraverso l'aumento della digitalizzazione.

Articoli Collegate

Torna in cima
Torna in cima
[{ "site.code": "it", "general.cookie_message": "Utilizziamo i cookie per assicurare la corretta funzionalità e la sicurezza del nostro sito. Cliccando su “Accetta tutti i cookie” ci permetti di fornirti la miglior esperienza possibile.", "general.cookie_privacy": "EU Automation utilizza i cookie", "general.cookie_policy": "Informativa sui cookie", "general.cookie_dismiss": "Accetta tutti i cookie" }]