EU Automation

eot

novembre 11, 2020

5 min per la lettura

Alimentare le linee di produzione dell'industria automobilistica per l'epoca dei veicoli elettrici
Alimentare le linee di produzione dell'industria automobilistica per l'epoca dei veicoli elettrici

I veicoli a benzina e diesel hanno le ore contate

Sebbene sulla Terra vi sia un'auto ogni cinque abitanti, i veicoli a benzina e diesel hanno le ore contate poiché i veicoli elettrici (EV) avanzano in modo inarrestabile sul mercato. Ne consegue che circa 1,4 miliardi di auto presto saranno obsolete, causando sconvolgimenti in molti dei settori correlati.

L'industria automobilistica britannica è un asset prezioso. Nel 2019, il settore ha fatturato più di 82 miliardi di sterline e ha generato un valore pari a 18,6 miliardi di sterline per l'economia britannica. Tuttavia, poiché il governo britannico si è recentemente impegnato a vietare la vendita di veicoli ibridi o alimentati con carburanti tradizionali a partire dal 2035, è chiaro che per il settore sono ormai imminenti delle trasformazioni radicali.

Per rispettare la scadenza fissata per il 2035, l'industria automobilistica ha bisogno di riconvertire la produzione in veicoli elettrici al ritmo di oltre cinque miliardi di sterline l'anno. Una sfida importante, ma che l'industria automobilistica ha tutti i mezzi necessari per superare.

Il mercato dei veicoli elettrici cambia continuamente; tale situazione probabilmente permarrà per qualche anno poiché le multinazionali lottano le une contro le altre per la supremazia di mercato. Il settore dei veicoli elettrici è ancora in fase di adattamento, in netta antitesi con quello dei veicoli tradizionali che ha avuto più di un secolo per accordarsi su norme e regolamentazioni.

Ne consegue che ogni costruttore di apparecchiature originali (OEM) per veicoli elettrici utilizza norme proprie, sviluppate internamente. Pertanto la tecnologia che è parte integrante di veicoli elettrici apparentemente simili, ad esempio la TVW ID.3 e la Tesla Model 3, può differire notevolmente.

Ad ogni modo, c'è un comune denominatore. Mentre le propulsioni, i motori e le trasmissioni possono variare da un costruttore all'altro e presentare differenze a seconda dei veicoli, l'interno del pacco batteria di quasi tutti i veicoli elettrici moderni presenta un'umile cella agli ioni di litio (Li-ion).

L'alimentazione è denaro

Attualmente il pacco batteria è il fulcro dei veicoli elettrici ed è molto improbabile che la situazione cambi finché i consumatori cercano lunga percorrenza, facilità di ricarica e una lunga durata. E siccome le batterie sono così importanti e costose, ne consegue che è indispensabile rendere questa economia circolare.

Quando i pacchi batteria dei veicoli elettrici giungono al termine del loro ciclo di vita, auspicabilmente dovrebbero essere riciclati. Al momento molti OEM li riciclano internamente, "mandando in pensione" le batterie esauste dei veicoli elettrici in grandi sistemi di accumulo e in altri luoghi ma, man mano che il mercato matura, sarà inevitabile coinvolgere aziende e organizzazioni terze. In quel contesto, con diversi pacchi batteria in ciascun veicolo elettrico, il riciclaggio è un compito imponente destinato a intensificarsi.

Un importante collo di bottiglia nel riciclaggio delle batterie è la fase di prelievo dai cestelli, che prevede lo spostamento dei singoli pacchi dai grandi cestelli per il trasporto e lo stoccaggio al nastro trasportatore della linea. Su una linea di produzione, dove il prodotto è uniforme e prevedibile, le fasi di prelievo vengono invariabilmente eseguite mediante robotica automatizzata. Un sistema che possa prelevare in maniera affidabile pacchi sparpagliati alla rinfusa, di numerosi costruttori OEM, di misura e forma diverse, è tutt'altra cosa.

I moderni sistemi di prelievo automatizzati, come il 3D Area Sensor di Fanuc e i robot manipolatori rendono possibile questo compito. Il 3D Area Sensor di Fanuc dapprima esegue una scansione del cestello di ingresso, poi il responsabile dei componenti stabilisce quale sia il pezzo più veloce da prelevare successivamente, infine i comandi di azionamento vengono comunicati al robot manipolatore.

Questi sistemi sono ideali per selezionare e movimentare i pacchi batteria dei veicoli elettrici. La combinazione tra sensore e robot manipolatore può facilmente individuare e prelevare i pacchi danneggiati e deformi in condizioni di scarsa illuminazione in maniera completamente automatica, il più velocemente possibile.

Poiché il mercato dei veicoli elettrici è altamente incentrato sulle batterie, il mercato automobilistico deve seguire la stessa strada. La capacità di movimentare rapidamente i pacchi batteria dei veicoli elettrici, e le celle al loro interno, è fondamentale per una linea di produzione di veicoli elettrici affiliata a elevata produttività.

Probabilmente questo elemento rappresenterà una differenza decisiva tra aziende di successo o meno, aziende ad alta e a bassa redditività dal momento che 1,4 miliardi di auto a combustione interna fanno rapidamente posto ai veicoli elettrici.

Articoli Collegate

[{ "site.code": "it", "general.cookie_message": "Questo sito web utilizza i cookie per essere sicuri di ottenere la migliore esperienza sul nostro sito.", "general.cookie_learnmore": "Ulteriori informazioni", "general.cookie_dismiss": "Fatto!" }]