tecnologia

marzo 24, 2021

5 min per la lettura

Continuare a garantire i servizi di consegna in un mondo in cui vige il distanziamento fisico
Continuare a garantire i servizi di consegna in un mondo in cui vige il distanziamento fisico

AGV alla riscossa

Chi ha lavorato per la CBC (Canadian Broadcasting Corporation) negli ultimi anni, avrà assistito al pensionamento di Basher, Rasputin e degli altri tre Mailmobile. Ben lontana dall'essere messa da parte, tuttavia, la moderna tecnologia AGV promette di rivoluzionare la logistica sia locale che sulla lunga distanza, in particolare alla luce dell'attuale crisi sanitaria legata al COVID-19.

Mailmobile, originariamente progettato da Lear Siegler di Learjet, ha avuto un discreto successo ed è stato assoldato da molte aziende in cui si usavano documenti fisici e servizio di consegna della posta. Nonostante l'aspetto non troppo accattivante e il clacson decisamente energico, questi veicoli a guida automatica (AGV) hanno consegnato autonomamente la posta all'interno della sede della CBC per un quarto di secolo divenendo piuttosto popolari tra i dipendenti, soprattutto dopo essere stati personalizzati con nomi ed elementi decorativi.

Il mix di design efficiente e inspiegabile simpatia hanno fatto sì che Mailmobile sia rimasto in produzione - con leggere modifiche progettuali - per quasi quattro decenni dal 1970 al 2016, record che pochi altri robot possono vantare. Circa 4000 Mailmobile sono stati consegnati negli uffici degli Stati Uniti in questo arco di tempo, e molti sono tuttora in funzione.

Gli AGV sono la soluzione?

Gli AGV sono presenti da decenni in molti ambienti industriali, commerciali e uffici; sono disponibili in moltissime forme e dimensioni, e vanno dal semplice aspirapolvere robotizzato a carrelli elevatori e rimorchiatori di container. I più recenti sviluppi stanno tuttavia ridefinendo i confini dell'uso degli AGV andando ben oltre il tappeto di casa o i contesti industriali riservati al personale autorizzato.

Prendiamo ad esempio questo robot a guida autonoma per le consegne di Starship, o il servizio con consegna tramite drone proposto da Amazon. Gli AGV Starship effettuano consegne a Milton Keynes, città del Regno Unito, da febbraio 2020. Con una portata di 4 miglia/6 km, questi AGV a bassa velocità, leggeri e a prova di pedone sono l'esempio di una possibile coesistenza pacifica di uomo e robot.

Il caso ha voluto che l'introduzione degli AGV Starship a inizio 2020 abbia coinciso con il picco della pandemia da COVID-19 nel Regno Unito e con l'introduzione delle prescrizioni in materia di distanziamento fisico, mettendo in evidenza le potenzialità di questa soluzione. Un altro esempio viene da un hotel della California in cui il sistema AGV incaricato della consegna in camera del vino - chiamato Rosé - si è trasformato da curiosa novità in necessità alla luce delle nuove restrizioni legate al COVID-19.

Per molte attività, in particolare i ristoranti, le farmacie e altri servizi di contatto diretto con la clientela, un sistema di consegna autonomo come questo consente di riaprire e continuare a lavorare in sicurezza, attenendosi alle linee guida su biosicurezza e distanziamento fisico.

Qual è il futuro dei sistemi AGV?

Se le cose proseguono in questo modo, il mondo sarà percorso da un numero sempre crescente di AGV e, come ha affermato il titolare dell'hotel californiano, il COVID-19 ha dato un grandissimo impulso alle aziende, piccole e grandi, affinché investano e accelerino l'adozione di sistemi AGV.

Quindi, se da una parte il mercato degli AGV non è nuovo, dall'altra la tendenza all'uso di sistemi a guida autonoma nelle piccole aziende e in attività che prevedono l'interazione con i clienti rappresenta senza dubbio uno sviluppo recente. Attualmente molti dei sistemi AGV sono proprietari e in volumi sufficientemente ridotti da rendere economicamente fattibile la manutenzione da parte dei produttori ma con il passare del tempo assisteremo a uno sviluppo del mercato analogo a quello delle auto e dei garage privati.

In un mercato maturo gli AGV saranno forniti da aziende OEM, ma la manutenzione, le sostituzioni e le riparazioni saranno a cura di fornitori autorizzati. Anche il mercato dell'usato, dei componenti obsoleti e dei ricambi esploderà con il passaggio all'obsolescenza delle generazioni di AGV.

Molte aziende intenzionate a impiegare gli AGV per questi scopi finiranno per dipendere interamente da questi sistemi proprio come un corriere ha bisogno di un veicolo funzionante, quindi in caso di guasto di un componente sarà fondamentale reperire i ricambi in tempi rapidi. In qualità di azienda specializzata in componenti obsoleti, EU Automation può garantire la fornitura e la consegna rapida di qualsiasi parte nuova, obsoleta e ricondizionata necessaria per la manutenzione dei dispositivi AGV.

Articoli Collegate

Torna in cima
Torna in cima
[{ "site.code": "it", "general.cookie_message": "Utilizziamo i cookie per assicurare la corretta funzionalità e la sicurezza del nostro sito. Cliccando su “Accetta tutti i cookie” ci permetti di fornirti la miglior esperienza possibile.", "general.cookie_privacy": "EU Automation utilizza i cookie", "general.cookie_policy": "Informativa sui cookie", "general.cookie_dismiss": "Accetta tutti i cookie" }]